TORNA ALL’ELENCO

Concerti

Gatto Panceri al Magnificat

1 Novembre 2019

L'artista lombardo a Gerusalemme

Grazie ad un’iniziativa sostenuta dall’ATS, l’Associazione Pro Terra Santa, il Coro Yasmeen del Magnificat ha avuto l’onore di esibirsi con il cantautore Italiano Gatto Panceri. Cantante di successo e autore di brani per artisti ormai leggendari come Mina, Giorgia e Fausto Leali, Panceri è arrivato in Terra Santa accompagnato da un gruppo di pellegrini e ammiratori. Insieme hanno visitato i luoghi sacri della tradizione cristiana e imparato a conoscere meglio la complessa realtà locale. La visita al Magnificat è stata un’occasione per il cantautore lombardo di vedere da vicino un esempio di convivenza tra le diverse comunità che vivono a Gerusalemme. Una visita che, a detta dei partecipanti, ha corretto in parte la monotona immagine proposta dai media nella quale si descrive la Terra Santa esclusivamente come luogo di conflitti perenni. Il Magnificat, infatti, è un istituto nel quale studiano e lavorano insieme Cristiani di ogni denominazione, Ebrei e Mussulmani: uniti dalla passione per la musica e dall’amore per l’arte, gli studenti del Magnificat e i loro professori sono un modello di pacifica convivenza e un’ispirazione per chiunque abbia a cuore la pace e la tolleranza.

Il momento più importante della visita di Panceri è stato sicuramente il concerto tenutosi presso l’Auditorium dell’Immacolata. Davanti ad un folto pubblico di Italiani e gerosolomitani, Panceri, insieme ai suoi musicisti, ha presentato alcuni dei brani più noti del suo repertorio. Il concerto si è aperto con due canzoni del Coro Yasmeen condotto dalla professoressa Giuliana Mettini. Poi, insieme a Panceri, il Coro ha cantato il brano Gioia, uno dei successi più recenti del cantautore nel quale si parla della gioia nata dallo stare insieme.

Diplomato al Conservatorio di Milano, Gatto Panceri è sensibile al tema dell’educazione musicale: contrassegnato da uno scambio di energie ed emozioni, il dialogo tra l’artista affermato e i giovani studenti del Magnificat non solo prova l’universalità del linguaggio musicale ma celebra il passaggio di tecniche e conoscenze di generazione in generazione–un canto infinito che accompagna il cammino dell’uomo dalla notte dei tempi.

+ FOTOGALLERY

Collaborazioni